Categoria: Omeopatia

Per quanto tempo si assumono i farmaci omeopatici?

La durata del trattamento dipende dalla natura della malattia e dalla capacità di azione del corpo del paziente. Il trattamento viene continuato per un certo periodo di tempo a beneficio del paziente. Una volta che il paziente inizia a migliorare, le medicine sono sospese, mentre l’immunità naturale e il meccanismo di controllo del corpo si occuperanno del resto dei problemi.

Ci sono delle sostanze che vanno evitate quando si fa la terapia omeopatica?

Si, potrebbero interferire con il rimedio. Si suggerisce di evitare le seguenti sostanze  e usi per assicurare la migliore risposta dal rimedio:

  • Caffè e the forti
  •  Canfora o prodotti canforati, compresi prodotti contenenti olio di eucalipto e canfora
  • Sedute di odontoiatria come pulizia dei denti, anestesia, terapia canalare
  •  Uso di coperte elettriche
  •  Menta o prodotti mentolati
  •  Nicotina
  • Droghe ricreative
  • Alcuni farmaci convenzionali (assicurati di dire al tuo omeopata cosa stai prendendo)
  • Radiazioni
  • Lo stress, che può ridurre la risonanza di un rimedio omeopatico

Come si trova il farmaco omeopatico corretto?

Trovare il rimedio omeopatico appropriato dipende dalla completa comprensione del paziente nella sua totalità. Ciò significa che l’omeopata deve prendere nota dei livelli fisici, mentali ed emotivi di ogni persona prima di decidere il rimedio adatto.
I farmaci omeopatici sono stati descritti come “medicinali alla moda”,  ma va ricordato che essi sono appositamente “pensati” per i singoli individui in base al loro stato di essere unico e complesso.Prendiamo ad esempio l’emicrania. Potremmo facilmente dimostrare che una persona può manifestare dolore su un lato della testa, mentre un’altra persona su entrambi i lati, o un’altra persona può avere la nausea che accompagna l’emicrania, un’altra le vertigini. È importante riconoscere che, oltre ai sintomi fisici della persona, ci sono anche aspetti psicologici ed emotivi di fondo.
I farmaci omeopatici vengono somministrati solo quando è stato identificato il continuum totale dei sintomi fisici e psicologici.

Le basse dosi possono essere efficaci?

I rimedi omeopatici sono dosi “diluite”, appositamente preparate che subiscono un processo specifico, compresa la diluizione degli ingredienti (chiamata potenzizzazione), nonché un vigoroso scuotimento (succussione).
I farmaci omeopatici risuonano con il corpo, innescando una risposta di guarigione positiva. Questa risposta dolce ed efficace guarisce dall’interno progredendo dall’alto verso il basso, dall’interno verso l’esterno.

Quale è la relazione tra i sintomi e l’omeopatia?

I sintomi sono il linguaggio di una malattia, il tentativo del corpo di equilibrarsi. Senza sintomi, una persona potrebbe avere una malattia potenzialmente pericolosa per la vita ma senza avere in alcun modo la possibilità di identificarla.
Molti farmaci convenzionali cercano di inibire e sopprimere i sintomi – a volte portando a sintomi ancora più gravi. I medici convenzionali (allopatici) di solito non riconoscono la nuova serie di sintomi come correlati al vecchio. Pertanto, li trattano come problemi nuovi e non correlati.
La febbre è il tentativo del corpo di attivare i globuli bianchi del sistema immunitario e difendersi dalle infezioni,  se a una persona viene somministrato un farmaco che sopprime i sintomi, combattendo la febbre troppo presto, saranno poco capaci o in grado di combattere l’infezione vera e propria.
L’omeopatia non cerca di rimuovere o sopprimere i sintomi. Il suo obiettivo è riconoscere e rimuovere la causa sottostante di questi sintomi. Questo è il motivo per cui un omeopata lavora per comprendere l’intera persona, corpo, mente e stato emotivo, prima di prescrivere un rimedio.

Posso usare l’Omeopatia come Primo soccorso?

L’omeopatia può essere utilizzata in primo soccorso per trattare in modo sicuro disturbi e manifestazioni comuni, come distorsioni e contusioni, ustioni lievi, irritazioni e reazioni cutanee (tra cui edera velenosa, dermatite da pannolino e punture di insetti), dolore alla dentizione, ecc.

Come si assume un rimedio omeopatico?

Il modo più classico ed efficace è quello di assumere i granuli o le gocce al mattino, appena alzati, posizionandoli sotto la lingua ma senza toccarli con le dita per impedire che l’untuosità e umidità presente su queste possa intralciare l’assorbimento del rimedio e ridurne l’effetto. Quando si prendono dei rimedi più volte al giorno è necessario avere l’accortezza di non mangiare, bere o fumare per circa 30 minuti prima e dopo l’assunzione.

Come si dà un rimedio omeopatico ad un bambino?

I bambini molto piccoli o i lattanti hanno difficoltà a sciogliere in bocca i granuli. Ecco quindi che possiamo scioglierne una decina di granuli in poca acqua e somministrarne 2-3 cucchiaini nell’arco di una giornata, oppure sciogliere i 3-4 granuli prescritti dal medico in acqua e la si somministra nel giro di qualche minuto.

1 2 3